Non mi abituerò mai. Ogni volta che riguardo il film “Il Sesto Senso” e vedo la faccina di Haley Joel Osment pronunciare l’ormai celebre frase “I see dead people“, vedo la gente morta, mi prende una scarica di strizza sacrosanta che parte dalla vertebra lombare fino alla punta dei miei rari e brizzolati capelli.

E la stessa cosa accade quando guardo “The Others“, film che ha in comune con il primo un tema particolare: i fantasmi e la loro non consapevolezza di essere “cari estinti”.

FOTO1-GENTEMORTA

Io non amo i film Horror, li guardo raramente. E se non mi spaventa il genere “splatter“, tra cui possiamo inserire la saga di “Saw, l’enigmista” e Final Destination”, se ho visto con relativa tranquillità “Intervista col vampiro” e “World War Z”, proprio non riesco a digerire i fantasmi e il Diavolo.

Mi mettono un’ansia tremenda, mi portano a girare per casa con tutte le luci accese guardandomi in giro con circospezione.

FOTO2-GENTEMORTA

Così mi tengo alla larga da “L’esorcista” (che ho visto solo una volta, pentendomene amaramente), “l’Avvocato del Diavolo” e “Angel Heart” (da quando l’ho visto, mangio l’uovo sodo con un gusto diverso) e di tutti quei film che contengono nel titolo la parola “Paranormal” non riesco neanche a vedere il trailer.

Ma “Il Sesto Senso” no, quello è diverso. Perché contiene la speranza che è stata più volte raccontata da Hollywood in un altro genere di film, ben più mieloso e strappalacrime di cui “Ghost” è il dominatore indiscusso: la speranza di parlare con i nostri cari, di chiudere i mille discorsi interrotti dal “Tristo Mietitore” con le persone a cui non abbiamo mai detto abbastanza quanto volessimo loro bene.

Le storie di fantasmi ci insegnano che le anime rimangono imprigionate nel mondo terreno perché hanno delle questioni in sospeso. Ma se fossimo noi ad averle con loro e non il contrario? Se fossimo noi a tenerle imprigionate mentre combattiamo con i nostri sensi di colpa?

Nel dubbio, vado a indossare lo zaino protonico, stando ben attento a non incrociare i flussi.

FOTO3-GENTEMORTA