La mia prima “scatto fisso” gialla, con una “dedica” sotto al manubrio, ovviamente non era mia (sono troppo impedita) per non avere dei freni, ma è come se lo fosse stata, di quel gioiellino avevo scelto il colore e tutti quei dettagli per renderla “perfetta”. Era lei, che aveva tutte le attenzioni, guardata “a vista” attaccata ad un palo di Milano, nell’ora dell’happy hour, quella che andava presa in braccio e portata su per le scale e mostrata come un oggetto di design davanti alla scrivania del capo.

“Fixed”, un termine diventato di moda, un vero fenomeno non più legato ai ciclisti su pista. La bici a scatto fisso infatti nasce come un modello da gara, con un unico rapporto collegato, senza freni e con i pedali legati direttamente al mozzo della ruota posteriore, così da avere solo un modo per frenare: arrestare la pedala, pedalando in senso opposto. Da Boston a Tokyo, passando per Milano.

Sono bici dal design nudo ed essenziale, accattivante e decisamente personalizzabile. Da diversi anni, soprattutto a Milano questo genere di bicicletta è diventata un must-have, ritenuta da molti la bicicletta “da fighetti” per muoversi in totale libertà per le strade della città.

I “fixed” sono un gruppo di hipster-ciclisti che si trovano a parlare di quanto sia bellissimo pedalare su queste biciclette, come www.milanofixed.com e www.ciclistica.it.

Da una passione per questo genere di biciclette ne è nato un mercato che va oltre all’oggetto in sé. Praticamente lo scatto fisso è il Mac per ogni nerd, sono oggetti da “arredo” che possono costare anche centinaia o mila euro.

In questi anni sono nati dei mercati “paralleli” a quelli dei produttori di fixed bike, per esempio nel campo della moda ci sono dei brand dedicati a chi gira per le città con queste biciclette.

Uno di questi è Pedaled. Fondato nel 2007 da  Hideto Suzuki, Pedaled ha come leitmotiv il creare delle collezioni tecniche e funzionali restando molto fashion. Il marchio crea i suoi prodotti basandosi su una minima quantità di materiali sintetici, utilizzando invece soprattutto del lino, della canapa e del cotone biologico.

La filosofia del brand è:

“Go by bicycle. Feel the elements and contemplate nature.” The poetic expression “pedalling to dive into the earth” inspired the abbreviation “PEdALED”.

pedaled

Un altro progetto è la capsule collection H&M per Brick Lane Bikes, la fusione tra l’abbigliamento da ciclismo con le linee più accattivanti dello street style cittadino.

Infine Brooks England, che produce una linea di accessori in pelle, tra cui zaini e borse, ma anche sellini in pelle e tanto altro.

brooks

Se volete convertirvi al mondo del fixed-gear, allora dovete leggere questo libro: Scatto fisso. Il mondo della fixed-gear. Guida alla conversione, praticamente la Bibbia, che racconta in primis come trasformare una bici in una single speed, ma anche un valido manuale per come fare con consigli e indicazioni precise, ad esempio sulle varie fasi di montaggio. E il tutto inframezzato dai racconti di storie di costruttori e artigiani, che fanno sognare gli amanti della bicicletta di tutto il mondo.

Se invece siete già degli “adepti”, ecco la playlist da ascoltare in sella alla vostra fixed:

cover_playlist