La mia adorazione per i fiori è inversamente proporzionale a quella che provo per il giorno di San Valentino. Non voglio interpretare la parte della cinica anticonformista, perché altrimenti dovrei essere insofferente a tutte le festività annuali, e vi assicuro che non è così. Fosse per me già ad agosto inizierei ad ascoltare Ella Fitzgerarld che intona White Christmas mentre corro sotto un sole cocente, e sfornerei omini di pan di zenzero tutto il giorno mentre la mia gatta nera, boccheggiante, mi guarda allibita.

Dicevo, Il quattordici febbraio non mi piace un granché, ma sicuramente non inizierò a urlare in modo isterico se il mio amato fanciullo mi donerà un bel mazzo di rose bianche profumate, o una scatola di cioccolatini adornati da un bel fiocco rosso. E posso affermare con altrettanta sicurezza che nessuna donna lo farebbe mai, a meno che proprio quel dì non sia afflitta da un misto di paturnie esistenziali e crisi ormonale, che manco il Dalai Lama riuscirebbe a calmarla.

fiori a san valentino

Cari uomini, regalare dei fiori è una cosa estremamente seria, e c’è una non trascurabile possibilità che, regalando il fiore sbagliato del colore sbagliato, la vostra passionale storia d’amore si trasformi improvvisamente in uno dei gironi dell’inferno dantesco, senza che voi possiate porvi alcun rimedio (ogni tanto mi piace essere un po’ melodrammatica). E poi non è necessario attendere San Valentino per donare dei bei boccioli a una persona per voi speciale. Anzi, lasciare sull’uscio di casa una semplice rosa, in una mattina qualunque di un giorno qualunque, farà sentire ancora una volta alla fortunata le farfalle nello stomaco, perché si sentirà speciale e amata, e tutti noi, almeno una volta al giorno, vorremmo sentirci così. Quindi, d’ora in poi il vostro mantra sarà se non sai che combinare, un fiore devi regalare (ho fatto pure la rima).

san valentino significato fiori
Dunque siccome, come il caro maestro Yoda, credo nelle vostre capacità assai spesso criticate e sottovalutate dal genere femminile, ecco alcuni pratici consigli per regalare dei fiori senza creare delle situazioni molto imbarazzanti.

#1. Nessuna composizione troppo grande e ingombrante. Sarebbe un inutile spreco di denaro e non troverete mai un vaso abbastanza ampio per ospitarla, così in un attimo i fiori si rovineranno e sarà un inconsolabile dispiacere per entrambi. Scegliete qualcosa di semplice, come delle ortensie chiare avvolte in un foglio di giornale e un nastro bianco. Niente foglie finte o brillantini sui petali, perché sono brutti e di cattivo gusto.

#2. Piante o fiori recisi? È quasi un dilemma amletico. Non capisco questa nuova tendenza di regalare una pianta, anziché un bel mazzo di fiori. La pianta dura di più, ma non racchiude in sé la medesima poesia (e poi a me muoiono subito). Quindi tocca a voi scoprire se l’amata fanciulla ha il pollice verde oppure no, o se pensa che regalare i fiori sia una cosa effimera ed inutile. In questo caso, auguri.

#3. Deve essere un gesto fatto col cuore. È inutile recarsi da un fioraio qualunque e chiedere un impersonale bouquet floreale, sia per una questione di romanticismo sia buona educazione, perché a questo punto fareste prima a regalarle un paio di calzini. Cercate di scoprire qual è il suo fiore preferito della stagione, impegnatevi il minimo indispensabile per trovarlo in città e, se proprio vi sentite ispirati e coraggiosi, mettete nella composizione un tocco personale.

#4. Il linguaggio dei colori. Io la trovo una questione piuttosto tediosa. Per me le rose sono rosse o bianche, come i tulipani sono solo gialli e le ortensie azzurre, e qualsiasi altro colore è decisamente brutto e va ignorato. Ma ovviamente questo è un mio problema, che prima o poi supererò. Comunque se voi o la vostra amante siete particolarmente superstiziosi, ecco una veloce guida sul significato dei colori:
Rosso: rappresenta un amore passionale e ardente. E come disse Miranda Priestley: “avanguardia pura!”;
Bianco: rappresenta la purezza. Solitamente è inserito nel bouquet della sposa e nelle decorazioni di battesimi e comunioni;
Giallo: mai e poi mai regalate delle rose gialle alla vostra fidanzata, perché vi ritroverete ad ammettere un tradimento che neanche avete commesso;
Azzurro: dovrebbe rappresentare l’inquietudine, ma io trovo che ortensie azzurre siano bellissime;
Arancio: significa gioia e allegria, ma non credo che dei fiori color arancione siano un granché eleganti. Così per dire;
Rosa: rappresenta la giovinezza e un amore appena nato. Insomma, un po’ come la Barbie e i My Little Pony.

san valentino significato fiori bouquet

san valentino regalare fiori