Ho già parlato di calcio, qui.

Mi sono avventurata nei meandri delle frustrantissime ragioni per cui una donna che ama il calcio (cioè io) non rimorchia più delle altre.
Ma ora è estate.
Fa caldo.
Ci sono le zanzare.
Voglio dire, mi pare ci siano già abbastanza sbattimenti da gestire senza bisogno di avventurarsi nei meandri di un qualsivoglia argomento di concetto, oggi.
No?
Cioè, giovedì iniziano i Mondiali di calcio.
Vuoi non parlarne?
Gli sbattimenti di cui sopra mi impediscono di concentrarmi.
Aggiungiamoci che c’è luce fino a tardi, che è bello vedere di nuovo braccia scoperte, che il gelsomino io me lo mangerei da tanto è afrodisiaco e, niente, ho bisogno di scrivere un post frivolo.
Sul calcio, certo.
Ma frivolo frivolo.
Tipo che vorrei dare alle femmine qualche buon motivo per farsi piacere lo sport nazionale, per le prossime settimane.
Tipo che, pure io che sto attenta al fuorigioco e urlo che manco Tiziano Crudeli, beh oh, ogni tanto mi distraggo.
Perché ‘sti ragazzotti che corrono in braghette dietro a un pallone sono (quasi) tutti cretini e sono (tutti) strapagati.
Però dai, se qualcuno di loro avesse voglia di venire a correre in braghette dietro a un pallone nel giardino di casa nostra non è che ci farebbe schifo, no?
Quindi ecco.
Ho stilato la top ten dei calciatori più belli dei Mondiali.
Secondo me, chiaro.
Ho mescolato classiconi e novità.
Per accontentare tutte.
Poi magari la vostra sarebbe tutta diversa, eh.
Ma se ne può parlare, ragazze.
Aspetto la vostra top ten.
Sarà estate, farà caldo e ci saranno le zanzare ancora per un po’.
Possiamo concederci un po’ di sana frivolezza.

Cristiano Ronaldo (Portogallo)
Cristiano-Ronaldo
Parto forte. Non perché lui sia uno dei miei preferiti.
Ma perché piace. Il Cristiano piace a tutte.
Roba che mia mamma tifa Real Madrid solo perché ha un debole per lui.
Un po’ tamarro, ma con la faccia da bravo ragazzo. Il mix perfetto.
Poi vabeh, alza di brutto la media dei portoghesi. Che, non me ne vogliano, ma non sono esattamente un popolo di belloni.

Olivier Giroud (Francia)
Olivier-Giroud
Lo so, a noi italiani i francesi devono stare un po’ sulle palle di default (a me personalmente non hanno mai dato fastidio, eh) però teniamoli d’occhio.
Faccia squadrata.
Sguardo assassino.
Naso importante.
Non serve che io vi dica cosa si dice degli uomini che hanno un naso importante, vero?

Iker Casillas (Spagna)
Iker-Casillas
Il grande classico.
Che mica è un figone tout court, questo qui.
Ma ha quel non so che di rassicurante misto a intrigante, che oh, acchiappa.
Alto. Spalle larghe. Apprezzabile anche in versione con barba incolta.
Sara Carbonero, tu sei una gnocca spaziale, ma il tuo fidanzato non scherza niente.

Daniele De Rossi (Italia)
Daniele-De-Rossi
Un paio di nomi italiani mi sento di doverli inserire.
Per quanto, a onor del vero, questa non mi pare una nazionale italiana indimenticabile sul fronte beltà.
Però dai, il biondino col fare da guerriero ha un suo perché.
Una bellezza un po’ rustica, un po’ ignorante e un po’ virile.
Daniele, barba tutta la vita. Non te la tagliare mai.

Kevin Prince Boateng (Ghana)
Kevin-Prince-Boateng
Il tamarro, in fondo, ci piace.
Tatuaggi in bella mostra.
Muscolata ben in vista.
Vedi sempre alla voce fascino un po’ rustico e un po’ ignorante.
E un po’ virile.
Che pare che lui e la Satta, prima dell’arrivo della creatura, non uscissero mai di casa.
Una garanzia.

Panagiotis Kone (Grecia)
Panagiotis-Kone
Ora, io lo so che la Grecia non se la caga nessuno (per quanto, voglio dire, ha pure vinto un Europeo in tempi recenti) ma, donne, vi consiglierei di non snobbarla.
Poi vabeh, lui è tra le mie grandi passioni da un po’.
Roba che mi sparo partite del Bologna per vedere lui.
Mediterraneo e tenebroso.
Tanti capelli.
Baffo da hipster e barba scura.
Cioè dai, ciao proprio.

Nacer Chadli (Belgio)
Nacer-Chadli
Confesso. Io fino a ieri non ero neanche a conoscenza dell’esistenza di questo giovanotto.
E anche oggi, pur avendolo inserito in questa classifica, mica riesco a ricordarmi il suo nome.
Però fossi in voi me lo scriverei, questo nome.
Che sto finto belga, che in realtà viene dal Marocco, potrebbe regalarci grandi soddisfazioni.
Col suo bel faccino e la fisicata di un certo livello.
Non discriminiamolo solo perché non abbiamo idea di chi sia, non se lo merita.

Sergio Ramos (Spagna)
Sergio-Ramos
E niente, a me pare che la Spagna possa vincere il torneo figaggine (pure il Mondiale, tra l’altro, ma abbiamo detto che non parleremo di niente che non siano pettorali, giusto)?
Oh, a me questo qui piace.
Pure se sembra un filino strabico.
Pure se, senza peluria e col capello lungo unto, sembra uno zarro del Parco di Trenno.
Sarà perché hai dei bei denti. I bei denti mi offuscano sempre il pensiero critico.

Salvatore Sirigu (Italia)
Salvatore-Sirigu
Salvatore chi?
Dai, ragazze. Ora non è che perché uno in nazionale non gioca mai allora non lo dobbiamo considerare.
Sto ragazzone con gli occhi verdi (che vabeh, mi offuscano il pensiero critico pure più dei bei denti) merita un posto in questa classifica.
E anzi, nella top ten “outsider boni”, lo metterei pure al primo posto, tié.
Gioia, lo so che non giocherai mai.
Ma Buffon è brutto, tu sei bello. Hai vinto.

Xabi Alonso (Spagna)
Xabi-Alonso
Va bene, lo ammetto.
Lui l’ho inserito perché è la mia più grande passione.
Calcisticamente.
E fisicamente.
Roba che mio papà, qualche settimana fa, mi ha detto: “Poverino il tuo fidanzato, è stato squalificato, non potrà giocare la finale di Champions”.
Boh, niente.
Mi piace così tanto che non so manco spiegarvi perché.
Amore vero, quindi.