Non sono mai stata una da serie tv. Cioè, ricordo benissimo di aver visto qualche volta Friends, ma non ne sono mai diventata fanatica.

Ricordo di aver visto M.A.S.H., ma io ero troppo piccola per esserne catturata davvero. Ricordo ovviamente Mork e Mindy, Happy days, Attenti a quei due e persino il Dottor Who con la sua lunga sciarpa di lana. Ma non me ne è mai fregato granchè. Guardo poca tv generalmente, da sempre, tanto che da qualche anno l’ho persino eliminata.

Poi un bel giorno di quasi 3 anni fa arriva un amico che mi dice “una come te non può non avere mai visto Lost”. Suonava come una sfida, concorderete con me. E così non ho mancato di coglierla.

Complice il fatto che stavo per avere il bambino e che davanti a me ci sarebbe stato un inverno lungo da passare in casa. L’amico in questione mi regala tutti i cofanetti e io do inizio alla dipendenza. Comincio con la prima serie e non smetto fino all’ultima, con tanto di scimmia quando non riuscivo a spararmi due o tre episodi di fila. Mio marito con me ovviamente. Mentre il pupo mangiava il mio latte con riflessi di progetto Dharma e cresceva una meraviglia.

Una volta finita, il vuoto. Io sì che mi sentivo Lost, pur non essendo salita sul volo della Oceanic Airlines. E vi dirò di più, non sono rimasta delusa, come molti, dal finale. Certo, molte cose non mi tornano ancora, ma è la vita, credo.

Qualche tempo, ancora orfana di tanta bellezza, mi sono sentita dire di nuovo “ma una come te non può non aver mai visto Breaking bad”. Ho pensato un’altra volta che fosse una sfida. E così ho ripreso.

Sono solo all’inizio, non credo di avere elementi sufficienti per giudicare, ne ho visti solo 10 episodi. Però a quelli che mi hanno detto che avrei dimenticato Lost, per il momento dico, ahimè, che non è così. Sto aspettando di vedere, al di là delle Sebago del protagonista che mi riportano al liceo, qualcosa che mi catturi davvero. Certo lui è strepitoso. Ma per ora Lost è ancora nel mio cuore.

Qualche giorno fa c’è stata persino la reunion del cast per i 10 anni dalla messa in onda. Mi sono emozionata ancora vedendo Sawyer.

Dite che le meta anfetamine e il brivido della doppia vita alla lunga vinceranno sugli “altri” e gli improbabili salti nel tempo?