Una sfida all’ultimo ingrediente, uno chef incredibile, un location d’eccezione: la nostra mattina con Monari Federzoni non poteva iniziare meglio.

Invitate dall’eccellenza degli aceti balsamici nel temporary di corso Garibaldi 42, abbiamo avuto l’opportunità di scoprire l’amore di una famiglia per la sua terra e le sue tradizioni.

Lo chef Alessandro Negrini de Il Luogo di Aimo e Nadia ci portato una selezione di ingredienti di primissima qualità con cui realizzare al momento una ricetta inedita.

Ognuna di noi ha avuto l’opportunità di portare da casa un attrezzo da cucina a sua scelta per preparare il proprio piatto.

ricetta aceto balsamico

Mi sono lasciata ispirare dal mio coppa pasta per realizzare un pietanza fresca e gustosa che si sposasse il più possibile con il sapore intenso dell’aceto balsamico.

Avevamo a disposizione delle grandi fette di pane di farro e kamut, che ho tagliato per il lungo per renderlo più sottile, eliminando anche la crosta.

ricetta monari federzoni
Subito dopo ho tagliato a carpaccio della vitella di Fassona, delle fette di mozzarella, qualche foglia di insalata e della cipolla giarratana.

A questo punto ho cominciato a comporre il mio piatto inserendo nel coppa pasta una prima fettina di pane bagnate con olio, aceto balsamico, sale e l’acqua dei pomodorini canditi.

tortino pomodorini canditi

A seguire, strato su strato, ho alternato carpaccio, mozzarella, insalata, cipolla e pane bagnato con olio e aceto balsamico.

Al termine ho estratto (facendo una fatica improba) dal coppa pasta la mia composizione che ho completato decorandola con fettine triangolari di cedro candito, pomodorini canditi e qualche mandorla tostata.

ricetta aceto balsamico

Come sempre non ho vinto la sfida per il piatto più buono ma per una volta non sono arrivata ultima.