3 a Roma e una a Milano, sono 4 le prime coppie italiane che sono riuscite a intraprendere una gravidanza con la fecondazione eterologa.

I tre casi romani sono stati avviati tre mesi dopo la sentenza della Consulta che aveva dichiarato anticostituzionale il divieto imposto dalla Legge 40, e la conferma arriva proprio da Filomena Gallo, segretario dell’Associazione Luca Coscioni. Ancora qualche incertezza per la gravidanza milanese, che è stata smentita in seguito a un controllo dei Nas alla clinica Matris, ma subito ribadita dal medico che ha seguito la procedura, Severino Antinori.

“La prima gravidanza di cui siamo venuti a conoscenza – ha spiegato la Gallo – è di una coppia in cui la donna aveva dovuto sottoporsi a cure con farmaci chemioterapici e quindi è diventata sterile. Entrambi liberi professionisti, lui 47 anni e lei 44 anni, avevano già preso contatti con un centro per la fertilità in Spagna. Ma dopo aver avuto notizia della cancellazione del divieto di fecondazione eterologa da parte della Consulta, hanno aspettato che fosse possibile farla in Italia”.