Donne e pallone, gioie e dolori. Lo so, in realtà la frase era leggermente diversa, ma anche questa rende bene, secondo me, lo spirito con il quale l’universo femminile si approccia con “lo sport più amato dagli italiani”.

Tutte le donne hanno avuto a che fare, o la cosa accadrà prima o poi, con un fidanzato/marito/compagno/amico innamorato del pallone. Una rottura di scatole? Una tragedia? Un “non possiamo mai fare nulla perché tu devi vedere le partite?”. Forse sì, forse no, dipende dai punti di vista, come sempre. Ci sono svariate tattiche che vengono utilizzate, più o meno da tutte, per arginare l’ondata calcistica che scuote i pomeriggi e le serate (e a volte anche il pranzo, per fortuna) delle coppie dei nostri giorni. Approcci diversi che possono portare a risultati diversi.

Oggi ci concentriamo su 7 ottimi motivi che le donne potrebbero (e dovrebbero) trovare “giusti e idonei” per lasciar vivere ai loro maschietti la loro passione senza rovinarsi troppo la vita di coppia.

1. Un uomo che ama una squadra di calcio conosce perfettamente cosa voglia dire la parola amore, quanti sacrifici si fanno ogni giorno per coltivarlo e farlo crescere: viaggi in giro per il mondo, notti insonni (maledetti mondiali in Sud America) e cuori infranti (gol al novantesimo subiti in contropiede). Il vostro uomo, quindi, sarà già pronto ad amarvi con tutto il suo cuore (quando non gioca la sua squadra naturalmente, o la Champion’s, o la Premier, o la serie B).

2. Pomeriggi e serate completamente libere per dedicarvi alle vostre passioni, sessioni intense di shopping e serie TV strappalacrime da consumare avidamente con le amiche senza la fastidiosa presenza degli uomini. Anche in estate eh, ci sono le amichevoli precampionato e noi uomini siamo in crisi di astinenza.

3. Le partite sono il momento ideale per chiedere al vostro uomo ciò che volete. C’è un rigore a favore o contro e prima di batterlo si perde un po’ di tempo, quello è il momento ideale per farvi sposare o ottenere l’ok per quelle scarpe super costose che avete visto nel pomeriggio (durante la sessione di shopping organizzata durante l’anticipo delle 18).

4. Un uomo che ama il calcio possiede un’ottima memoria: deve ricordarsi formazioni, risultati, tabellini, giocatori non più in attività, palmares nazionale e internazionale, partite giocate e partite da giocare, numeri di maglia, carriere dei calciatori preferiti e gol più belli della storia del calcio. Volete che non si ricordi del vostro anniversario? E del compleanno di vostra madre?

5. Un uomo che ama il calcio ha pochissimo tempo per coltivare altre passioni, ivi comprese quelle per le altre donne. Non è mancanza di desiderio, ma più materialmente di tempo. Anticipi del sabato, domenica del pallone, posticipo del lunedì, Champion’s martedì e mercoledì, giovedì Europa League, venerdì anticipo della serie B ed eventuale anticipo dell’anticipo della serie A. Siete in una botte di ferro.

6. Potete programmare per tempo il vostro matrimonio. Considerando che ogni due anni le estati sono occupate da mondiali o europei, che le finali di Champion’s sono a fine maggio e il campionato inizia a fine agosto avete la scusa per mettere il vostro uomo con le spalle al muro e decidere una data utile con largo anticipo. Occhio che ogni tre anni si gioca la Coppa America 😉

7. Con tante cattive abitudini che potevano contagiarci (fumo, alcool, droghe, passioni per le armi, passioni per le relazioni extraconiugali, viaggi ad Amsterdam, tentati omicidi, femminicidi, amore per la politica, contrabbando, moda, e chi più ne ha più ne metta) siete sicure che vi è andata poi così male? Ci sono uomini che si modellano le sopracciglia eh 😉

Cestisti, motociclisti, rugbisti, runner e ora appassionati di calcio, gli uomini di Paper Project hanno tentato, ognuno a modo suo, di perorare la propria causa. Scoprite qui i loro post:

Dieci (meno uno) motivi per uscire con un giocatore di basket

8 motivi per innamorarsi di un runner (e non lasciarlo mai più)

10 motivi per non uscire (o uscire) con un motociclista

Il fascino del Rugbysta

Ph. credits: Google Immagini