Sabato sera, con altre 7 ragazze (o galline, che dir si voglia), sono stata al concerto dei Backstreet Boys.

Allora, voglio sciogliere i vostri dubbi. Prima cosa, non pesano 130 chili come mi immaginavo io. Anzi, erano in gran forma, sodi, muscolosi, tirati a lucido per il tour.

Seconda cosa: sono ancora sexy come una volta? Oddio, dipende dai gusti. Diciamo che per la loro età (io credevo avessero tipo 45 anni, invece scopro che il più vecchio è del ‘71, quindi non proprio decrepito) si difendono bene.

Terza: Howie è ancora inutile come nel ‘93? Sì, Howie è sempre inutile come nel ‘93.

Cantano? Sì, cantano. Ci credete? L’ha detto anche Nick: “pare strano, vè, che una boyband faccia canzoni decenti a cappella?” (libera traduzione dall’inglese).

Diciamo che mi sono però molto caduti su palco (che all’ultima festa dell’unità era meglio allestito), maxi schermi (che non c’erano, se non uno che riproduceva orrendi screensaver di Windows95), balletti (che erano gli stessi dell’epoca di Non puoi lasciarmi così).

Sì, ci provavano, ballavano (poi apro il capitolo Nick, che è a parte), facevano coreografie anche abbastanza elaborate, ma se a 35 anni fai uguale a quando ne avevi 25, ecco, in qualche modo risulti un filino ridicolo.

In ogni caso mi sono divertita, credo il merito derivi dalle 7 galline, scatenatissime, pur nella delusione di non ricordare molte canzoni.

Il migliore, il vero genio, è Nick Carter. Ve lo ricordate, lui e la sua pettinatura fatta con la tazza, biondino, occhio azzurro, il più amato tra i Backstreet. Sì, proprio lui. Tutte noi adolescenti abbiamo avuto un debole per Nick (e ora ci ritroviamo vecchie, acciaccate, a volere il fratello, Aaron, come toy boy).

Ecco, Nick ha fatto un concerto tutto suo. Nick, mentre tutti seguivano le coreografie, si dimenava come morso da una tarantola ubriaca, come me durante le lezione di zumba (old story, lo so). Nick muoveva anca e bacino simulando amplessi con varie parti del palco, lanciandosi per terra come neanche uno dei California Dream Men. Per un attimo ho pure pensato che, preso dalla foga del tuffo, non si rialzasse più. C’hai una certa Nick, fattene una ragione.

Non vi dico quando si levava la camicia e mostrava i bicipiti tatuati in canottiera. Il Forum tremava. Vecchie adolescenti, ormai sposate, con figli, con conviventi e chi più ne ha più ne metta, si dimenticavano di tutto per urlare come neanche le teenager per i One Direction. Che ci possiamo fare, in fondo ci sentiamo sempre un po’ quei 15 anni.