Le pene d’amore ai tempi dei social network sono più intriganti di una puntata di Beautiful. Cos’è successo a quel sentimento tanto desiderato da tutti? L’amore è davvero cambiato da quando Internet sovrasta le nostre vite? Giusto l’altra sera parlavo con Chiara di quanto mi facesse sorridere che i miei amici appena si lasciano, prima ancora di versare delle lacrime per la ex tanto amata, cambiano lo stato su facebook da “impegnato” a “single”. Regola numero uno, dimostrati forte anche quando stai soffrendo, liberati dall’etichetta e aspetta paziente i commenti “nuoooo”, “eravate bellissimi…”, “coraggio”… e quelli più sfrontati “ok, ora che sei libero ci vediamo?”.

C’è chi sfrutta Twitter per sbandierare la propria relazione arrivata al capolinea, come ha fatto Antonella Mosetti che racconta la fine del suo rapporto con Aldo Montano:

mosetti

Su Facebook invece vanno alla grande i tronisti ed ex gieffini, come il caso di Margherita e Andrea Cocco:

il-post-di-andrea

Il peggio, e ahimè ve lo posso confermare, è quando si viene lasciati via mail, non ci credete?

Ebbene sì succede anche questo, ci sono uomini che non hanno coraggio di affrontare la fine di un rapporto e si nascondono dietro a uno schermo per chiudere definitivamente una relazione. Che amarezza!

Un tempo era una fredda telefonata per dirsi addio,  poi è arrivato il tempo degli sms senza tanti se e senza tanti perché. Il web offre davvero infinite possibilità per dire all’ex partner “ti lascio“.

Provare per credere!

Se passate le notti a chiedervi “perché mi ha lasciato?” e se continuate a tediare le vostre amiche alla ricerca di risposte, sappiate che Wotwentwrong.com fa al caso vostro. Il sito mette a disposizione un questionario a risposta multipla da indirizzare agli ex fidanzati per capire cosa non ha funzionato nel vostro rapporto, dal carattere al sesso, passando per la personalità e l’aspetto fisico. Compilato il questionario, potete inviarlo all’ex.

Il sito permette di aggiungere anche un messaggio di chiarimento, tra 11 diversi format a scelta, dal più formale a quello più stile “stronzo”.

sitoweb

Oltre alle risposte è possibile aggiungere dei commenti ad ogni domanda, tipo “il sesso finiva troppo presto”, inoltre si possono chiedere consigli al consulente relazionale e allo staff del sito che può dire la sua… in pratica una vera e propria seduta di terapia. Un sito che nel suo primo mese ha avuto più di 50mila visitatori.

Penso che questo successo è dovuto al fatto che tutti noi abbiamo paura di sentirci dire perché un rapporto è terminato; sfogarsi sul web invece dà la possibilità di elaborare il dolore più facilmente, capirlo e ricominciare da capo.

Una domanda che mi attanaglia però è questa, dobbiamo per forza nasconderci dietro a uno schermo di pc per affrontare la fine di una relazione?

Per fortuna c’è qualcuno che riesce a sdrammatizzare sul tema: è da qui che nasce il progetto No Social No Love?, una collezione estiva e frizzante dai colori fluo che porta con sé un messaggio chiaro e ironico: l’amore ai tempi dei social network.

Camilla e Deborah, due trentenni, che decidono di fare un “passo indietro” e tornare a quell’idea di amore con la A maiuscola, fatto di uomini cavalieri, di fiori e di telefonate alla vecchia maniera e non di video su facebook, di messaggi interminabili su whatsapp e di tweet provocanti.

tshirt