Sposarsi in chiesa richiede diversi, importanti, passaggi. Ci sono tante cose che le coppie che si approcciano al matrimonio religioso non sanno, eccole:

1) I tempi quando si sceglie il matrimonio religioso sono lunghi, è importante muoversi con almeno 6 mesi di anticipo.

2) Il corso prematrimoniale è indispensabile. Non disperate! Oggi i corsi sono spesso organizzati in modo interessante anche per chi non frequenta la chiesa ogni settimana. Coppie guida, ospiti, preti moderni, famiglie, sono solo alcune delle persone che incontrerai e che ti guideranno in questo percorso. Il mio consiglio? Affrontare la situazione senza pregiudizi e in modo concentrato, ma in leggerezza. La parrocchia in cui fare il corso non deve essere necessariamente quella in cui vi sposerete.

3) I documenti che serviranno sono: il certificato di battesimo e della cresima, da richiedere dove si è celebrato il battesimo, l’attestato di partecipazione al corso prematrimoniale, il certificato di stato libero.

4) Il consenso non si fa più davanti ai genitori o ai testimoni, ma ci si presenta da soli, futuri marito e moglie. Non abbiate paura, il prete vi farà qualche domanda, abbastanza semplice. Non ci sono risposte giuste o sbagliate, basta rispondere personalmente e con buon senso!

5) Una volta ottenuto il consenso alle nozze dal parroco, verranno affisse le pubblicazioni religiose per otto giorni, presso le parrocchie degli sposi e, nel caso fosse diversa, anche presso quella in cui la coppia si sposerà.

6) Scaduta la settimana delle pubblicazioni religiose il parroco rilascia il certificato con cui dovrete presentarvi in comune. Qui firmerete il consenso civile e verranno, di nuovo, affisse le vostre pubblicazioni. Questo è il famoso periodo in cui, nel caso qualcuno avesse qualcosa da obiettare al vostro matrimonio (no, la suocera non vale!) potrà presentarsi e dire la sua.

libretto-matrimonio

7) Se doveste scegliere una chiesa differente da quella in cui avrete fatto il corso o in cui risiedete, il parroco che ha fatto le pratiche per il matrimonio dovrà rilasciare al parroco della chiesa prescelta tutti i documenti.

8) Capitolo libretto della messa: trovate online tutte le informazioni e dei modelli. Dovete cercare il modello della vostra diocesi. Fate attenzione alla differenza tra rito ambrosiano (Milano e dintorni) e rito romano. Le letture potete sceglierle voi, un trucchetto? Esiste un manuale da 1,30 euro, edizioni San Paolo, un libricino intitolato Santa Messa degli Sposi, in cui troverete tante letture tra cui scegliere.

testimoni

9) I testimoni, nel matrimonio civile, sono 2 per ciascuno, in quello religioso possono essere quanti ne volete, concordati però con il prete. Ricordate soltanto che saranno però solo due a firmare.

10) I fiori. Lo so, vi sembrerà un argomento che non c’entra niente, ma fate molta attenzione quando sceglierete i fiori per addobbare la chiesa. Non tutti i preti apprezzano le composizioni sul sagrato o sull’altare. Chiedete sempre conferma prima di decidere.

fiori-chiesa-matrimonio

Se avete dubbi o domande sono a vostra disposizione, scrivetemi tramite twitter @SaraEvents1 o via email tramite redazione@paperproject.it

In bocca al lupo!